Rocketman biopic del cantautore e pianista Elton John è un film che mescola fiction e musical alla biografia dell’artista sottolineando la sua fragilità e i suoi momenti più duri.

Durante il film troviamo delle soluzioni visive di forte impatto per raccontare i suoi stati d’animo ad esempio quando canta sott’acqua insieme a sé stesso bambino. Metafora della voglia di ritrovare quella sua ingenuità di un tempo.

E’ impossibile non fare un paragone con Bohemian Rhapsody biopic dei Queen e di Freddie Mercury anche perchè il regista Dexter Fletcher è lo stesso di entrambi (In Bohemian Rhapsody ha infatti preso il posto di Bryan Singer in parte delle riprese) i film si soffermano sull’ eccentricità dei personaggi e il loro problema sull’ alcol, droghe e sesso, incarnando perfettamente l’ideologia della rockstar. 

L’elemento portante ovviamente è la musica che riesce a oscurare parti di trama forse un pò piatte e ripetitive. Il film risulta interessante e piacevole, quello che manca per entrambi i film citati è un finale di nota:  Bohemian Rhapsody finisce con il famoso live in Aid dove viene tralasciata ai titoli di coda la morte del protagonista mentre in Rocketman il finale si concentra sulla riabilitazione del cantante, anche qui manca qualcosa di più originale. Tuttavia un film molto buono che ha meritato la standing ovation a Cannes 2019.